Riportati casi "Neutropenia"
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)

Filtrare per parole chiave:



Recupero documenti. Attendere prego...

1/1180. Paronychia severo dovuto neutropenia zidovudine-indotta in un neonato.

    Descriviamo il caso di un bambino esposto hiv-perinatalmente che è stato curato con la profilassi dello zidovudine per riduzione della trasmissione perinatale. A 4 settimane dell'età, ha sviluppato il paronychia severo di grandi punte come conseguenza dei albicans e di escherichia coli del candida. A quel tempo, le prove di laboratorio hanno mostrato l'anemia e la neutropenia. la tossicità ematologica Zidovudine-relativa risolta dopo completamento del regime profilattico e dell'infante si è trasformata in in negazione dell'hiv-anticorpo (seroreverter) a 8 mesi dell'età. Paronychia risolto dopo che il trattamento con fluconazole orale ed antisettici d'attualità ma il tessuto molle del nailfold è stato penetrato dal bordo del piatto del chiodo, con conseguente formazione di ponticello cutaneo sopra il chiodo che ha risolto da necrosi spontanea. A nostra conoscenza, questa complicazione rara precedentemente non è stata descritta in un bambino esposto hiv-perinatalmente curato con zidovudine. ( info)

2/1180. la neutropenia Vancomycin-indotta si è associata con febbre: le somiglianze fra due immune-hanno mediato le reazioni della droga.

    Una donna di 39 anni che è trattata per l'osteomielite con la febbre severa della droga e di neutropenia sviluppata vancomycin. Dopo che ha interrotto la terapia, entrambi i disordini risolti rapidamente. Queste reazioni avverse sono state segnalate raramente con vancomycin e ripartono molte somiglianze riguardo alle caratteristiche cliniche ed ai meccanismi postulati di induzione. A nostra conoscenza questo è il primo caso che documenta la febbre della droga come componente principale della neutropenia vancomycin-indotta e fornisce ulteriore prova a sostegno di un meccanismo immune-mediato. ( info)

3/1180. Predisposizione antifungosa della specie dell'aspergillo isolata dall'infezione orale dilagante in pazienti neutropenic con le malignità ematologiche.

    OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio era di valutare l'attinenza di predisposizione antifungosa in vitro alla risposta clinica in pazienti neutropenic con l'aspergillosi orale dilagante. DISEGNO DI STUDIO: Nove isolati delle specie dell'aspergillo sono stati ottenuti dalle infezioni orali dilaganti in 9 pazienti con le malignità ematologiche e sono stati provati a loro predisposizione in vitro ad anfotericina B, a fluconazole, a miconazole, al fluorocytosine 5 e al itraconazole. I valori inibitori minimi di concentrazione delle 5 droghe sono stati ottenuti per ogni fungo con uso di un metodo del brodo di microdilution. I pazienti sono stati curati con anfotericina endovenosa la B (30-50 mg/giorno) congiuntamente 5 al fluorocytosine orale (3000-6000 mg/giorno) e/o al itraconazole orale (200 mg/giorno). RISULTATI: L'anfotericina B e il itraconazole sono stati trovati per essere molto attivi, con i valori inibitori minimi di concentrazione di 0.861 e 0.194 microg/mL, rispettivamente. Miconazole e il fluorocytosine 5 hanno mostrato i valori inibitori minimi di concentrazione di 1.72 e 3.56 microg/mL, rispettivamente. Da un lato, il fluconazole FCZ ha mostrato di poca attività, con un valore inibitorio minimo di concentrazione al di sopra di 64.0 microg/mL. Durante la neutropenia, la chemioterapia antifungosa unita ha stabilizzato l'aspergillosi orale ed ha impedetto la diffusione delle lesioni orali in 8 pazienti in quale i conteggi del neutrofilo finalmente hanno recuperato. CONCLUSIONI: I risultati implicano che la prova in vitro di predisposizione possa servire da parametro informativo riguardo all'efficacia di questi antifungals nel trattamento dell'aspergillosi orale dilagante, inducente lo stasis fungoso fino a che i neutrofili non recuperino. ( info)

4/1180. polmonite in pazienti neutropenic febbrili e nei destinatari del trapianto della gambo-cellula del midollo osseo e di anima: uso di tomografia computata ad alta definizione.

    SCOPO: Per per ottenere i dati statistici sull'uso di tomografia computata ad alta definizione (HRCT) per individuazione tempestiva di polmonite in pazienti neutropenic febbrili con il fuoco sconosciuto dell'infezione. MATERIALI E metodi: Cento ottantotto studi di HRCT sono stati svolti futuro in 112 pazienti neutropenic con febbre dell'origine sconosciuta che persiste per più di 48 ore malgrado il trattamento antibiotico empirico. Cinquantaquattro di questi studi è stato svolto nei destinatari del trapianto. Tutti i pazienti hanno avuti radiogrammi normali della cassa. Se la polmonite sia rilevata da HRCT, il lavaggio broncoalveolare guida è stato suggerito. La prova di polmonite sui radiogrammi della cassa durante il follow-up ed i microorganismi rilevati durante il follow-up sono stati considerare come documentazione di polmonite. RISULTATI: Dei 188 studi di HRCT, 112 (60%) hanno mostrato che la polmonite e 76 erano normali. La documentazione di polmonite era possibile in 61 caso tramite il roentgenography della cassa o la rilevazione del microorganismo (54%) (< di P; 10 (- 6)). La sensibilità di HRCT era 87% (88% nei destinatari del trapianto), specificità era 57% (67%) ed il valore di previsione negativo era 88% (97%). Un guadagno di tempo dei 5 giorni è stato realizzato tramite l'uso supplementare di HRCT confrontato ad un uso esclusivo del roentgenography della cassa. CONCLUSIONE: L'alta frequenza della malattia polmonare infiammatoria dopo un'esplorazione sospettosa di HRCT (> 50%) dimostra che la polmonite non si esclude da un radiogramma normale della cassa. Dato la durata significativamente più lunga degli episodi febbrili nei destinatari del trapianto, i risultati di HRCT sono particolarmente relativi in questo sottogruppo. I pazienti con HRCT normale esplora, specialmente destinatari del trapianto, hanno un a basso rischio di polmonite durante il follow-up. Tutti i pazienti neutropenic con febbre dell'origine sconosciuta ed i radiogrammi normali della cassa dovrebbero subire HRCT. ( info)

5/1180. La neutropenia e la trompocitopenia mortali si sono associate con il ticlopidine dopo stenting.

    Segnaliamo 3 casi della neutropenia mortale e della trompocitopenia connesse con il ticlopidine dopo stenting coronario. I pazienti dovrebbero essere consigliati circa i segni in anticipo dell'infezione e dello spurgo ed avere conteggi di anima completa regolarmente preveduti. ( info)

6/1180. candidemia di dubliniensis del candida in pazienti con trapianto chemioterapia-indotto del midollo osseo e di neutropenia.

    Il dubliniensis recentemente descritto del candida di specie è stato recuperato soprattutto dalla candidosi orale superficiale in pazienti hiv-infettati. Nessun'infezione dilagante clinicamente documentata è stata segnalata finora in questo gruppo paziente o in altri pazienti immunocompromised. Segnaliamo tre casi del candidemia dovuto questa specie recentemente emergente del candida in pazienti hiv-negative con immunosoppressione e trapianto chemioterapia-indotti del midollo osseo. ( info)

7/1180. Espansione clonale dei linfociti del gammadelta-T in un elemento portante di HTLV-I, connessa con neutropenia cronica e l'artrite reumatoide.

    Segnaliamo su un elemento portante di HTLV-I che mostra la proliferazione clonale dei linfociti del gammadelta-T connessi con la neutropenia cronica e l'artrite reumatoide (RA). Una donna giapponese di 75 anni ha avuta una storia di 20 anni di RA ed è stata trovata per avere la neutropenia e linfocitosi dagli esami sistematici. Il suo conteggio delle cellule bianche era 5,800/microl con i linfociti di 89%. I gammadelta-linfociti di proliferazione non hanno mostrato la morfologia tipica di grandi linfociti granulari (LGL) ed erano positivi per CD3, TCRdelta1 e HLA-DR ma la negazione per CD4, CD8 e deltaTCS1. Clonally ha riorganizzato la TCRgamma-catena (Jgamma) ed i geni della TCRbeta-catena (Cbeta1) sono stati rilevati dall'analisi del sud della macchia. Clonality di queste cellule del gammadelta-T di proliferazione è stato confermato da analisi granulometrica CDR3 per la TCRdelta-catena. L'Anti-HTLV-io anticorpo era positivo e la regione del pX di dna proviral di HTLV-I è stata rilevata dall'analisi di PCR, ma l'integrazione clonale del dna proviral di HTLV-I non è stata rilevata dall'analisi macchiare del sud. Il patient' il decorso clinico di s è stato stabile, tranne gli episodi contagiosi rari. L'associazione dell'infezione di HTLV-I/II con la leucemia di T-LGL è stata segnalata da parecchi gruppi, anche se la maggior parte dei casi esibiscono il tipo cellule di TCRalphabeta di T. L'analisi della sequenza giunzionale di TCR sulle cellule di leucemia di T-LGL può chiarire il ruolo dell'infezione di HTLV-I/II nella proliferazione a cellula T clonale. ( info)

8/1180. L'uso del fattore di stimolazione della colonia del granulocyte promuovere ferita che guarisce in un paziente neutropenic dopo la chirurgia del collo e della testa.

    PRIORITÀ BASSA: La neutropenia e la disfunzione del neutrofilo, in collaborazione con varie malattie, è stata indicata per svolgere un ruolo in povera ferita che guarisce. Ferireisca la ripartizione con formazione della fistola in pazienti che subiscono i risultati totali di laryngectomy nella morbosità significativa e nella degenza in ospedale aumentata. Anche se la malnutrizione, la radiazione anteriore, il diabete ed altre malattie sono riconosciuti come fattori che predispongono i pazienti con il cancro di collo e capo alle fistole di sviluppo, la disfunzione del neutrofilo dovrebbe anche essere considerata. Il fattore di stimolazione della colonia del Granulocyte (G-CSF) è stato usato con successo per trattare la neutropenia e la disfunzione del neutrofilo. metodi: Questi studi sono stati intrapresi come rapporto di caso. RISULTATI: Presentiamo il primo rapporto di un malato di cancro neutropenic del collo e della testa con una ferita persistente di 6 months' durata che ha mostrato il forte progresso dopo il trattamento con G-CSF. CONCLUSIONE: Concludiamo che G-CSF può rappresentare un'aggiunta utile in pazienti con i problemi curativi e la neutropenia della ferita persistente malgrado il trattamento sufficiente attraverso i mezzi convenzionali. Ulteriore esperienza clinica con G-CSF in pazienti con la guarigione in ritardo è indicata. ( info)

9/1180. necrosi ganglial basale bilaterale dopo trapianto allogeneic del midollo osseo in un bambino con la sindrome di Kostmann.

    Una ragazza di 6 anni ha subito BMT allogeneic da un donatore abbinato del fratello germano per il trattamento della sindrome di Kostmann. È diventato improvvisamente drowsy il giorno 30 dopo BMT ed ha perso conoscenza i 2 giorni più successivamente. L'esplorazione cranica di CT ha mostrato le lesioni simmetriche che suggeriscono la necrosi bilaterale nei gangli basali. Le indagini del laboratorio e cliniche non sono riuscito a rivelare alcuna prova della malattia neurometabolic. ( info)

10/1180. Proliferazione anormale delle cellule di T di CD4- CD8 gammadelta con l'anomalia del cromosoma 6: ruolo Fas dell'espressione del ligand nella regressione spontanea delle cellule.

    Segnaliamo un caso di disordine proliferative del linfocita granulare di accompagnamento con l'anemia emolitica e la neutropenia. I fenotipi delle cellule erano ricevitore a cellula T gammadelta CD3 CD4- CD8 CD16 CD56- CD57-. L'analisi del sud della macchia del ricevitore a cellula T beta e delle catene di gamma ha dimostrato le fasce riorganizzate in entrambi. L'analisi cromosomica dopo che lo stimolo IL-2 ha mostrato l'omissione delle cellule di T fascicolate del cromosoma 6. gammadelta ha mostrato Fas un aumento nell'espressione del ligand rispetto ai livelli in cellule di T fascicolate di alphabeta . L'espressione di ligand su queste cellule di T di gammadelta è aumentato Fas dopo stimolo IL-2. Il patient' l'anemia di s è migliorato con una diminuzione nel conteggio del linfocita e nella scomparsa granulari del karyotype anormale senza trattamento. L'espressione di ligand può partecipare Fas alla regressione spontanea di proliferazione granulare del linfocita con l'anemia emolitica. ( info)
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)| Avanti ->


Lasciare un messaggio su 'Neutropenia'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.