Riportati casi "Congiuntivite"
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)

Filtrare per parole chiave:



Recupero documenti. Attendere prego...

1/381. Elastasi polimorfonucleare in pazienti con tipo omozigotico mancanza plasminogen di I e congiuntivite lignea.

    Le ricerche di laboratorio sono state svolte su sei pazienti femminili (che variano nell'età da 1 a 31 anno) con la congiuntivite lignea, che considerare come una congiuntivite lignea consistente di stato sistematico ed altre lesioni pseudomembranous. I livelli Plasminogen sono stati ridotti severamente in tutti e sei i pazienti; cinque pazienti erano omozigotici ed un paziente era doppio eterozigotico per tipo mancanza plasminogen di I. Dei membri di famiglia esaminati, 11 di 12 genitori e due di sei fratelli germani esaminati sono stati diagnosticati come eterozigotici. Nessun episodio thrombotic si era presentato in c'è ne dei pazienti. I livelli polimorfonucleari della proteina dell'elastasi (PMN) contrassegnato sono stati elevati in tutto, più così nei pazienti omozigotici (ng/mL delle gamme 88 - 335; gamma normale, 20 /-10 ng/mL) che nel paziente eterozigotico (58 ng/mL). Di 11 genitore esaminato, soltanto 1 madre ha avuta elastasi normale di PMN (27 ng/mL, con l'antigene plasminogen 60% e l'attività funzionale plasminogen 86%), mentre i valori sono stati elevati moderatamente (ng/mL delle gamme 42 - 110) negli altri 10 genitori esaminati. Dopo la sostituzione plasminogen, i livelli dell'elastasi di PMN costantemente hanno fatto diminuire ma non hanno raggiunto i valori normali. Interpretiamo i nostri risultati poichè indicando che i processi fibrinolitici non-plasmina-indotti, possibilmente mediati via elastasi, possono essere intensificati in pazienti con la mancanza plasminogen. ( info)

2/381. linfoma congiuntivale che masquerading come congiuntivite cronica.

    OBIETTIVO: Le lesioni maligne del conjunctiva possono presentare con i segni lentamente evolventesi che assomigliano all'infiammazione. Gli autori descrivono i risultati clinici ed istopatologici di due pazienti con linfoma congiuntivale bilaterale che ha presentato con una storia della congiuntivite cronica senza noduli subconjunctival clinicamente notevoli. DISEGNO: Rapporto di caso. PARTECIPANTI: Due pazienti. INTERVENTO: Entrambi i pazienti hanno subito la biopsia congiuntivale per la valutazione di infiammazione congiuntivale persistente che non ha risposto ai vari metodi di trattamento medico. RISULTATI: L'esame istopatologico ha rivelato il linfoma marginale extranodal della B-cellula di zona (tipo mucosa-collegato del tessuto linfoide) in un linfoma concentrare del follicolo e del paziente nell'altro paziente. Entrambi i pazienti successivamente hanno ricevuto la radioterapia ed hanno realizzato una remissione completa senza prova della ricorrenza nel periodo di follow-up di 20 e 16 mesi, rispettivamente. CONCLUSIONI: Il linfoma congiuntivale dovrebbe essere incluso nelle diagnosi differenziali della congiuntivite cronica. I segni ed i sintomi di persistenza della congiuntivite che non reagiscono al trattamento standard dovrebbero richiamare la biopsia. ( info)

3/381. carcinoma Sebaceous che presenta come congiuntivite papillare unilaterale.

    SCOPO: Per per descrivere una presentazione precedentemente non riferita di carcinoma sebaceous, un tumore aggressivo che presenta spesso insidioso con i sintomi minimi ed i segni non specifici. metodi: Segnaliamo un uomo di 71 anno che ha presentato con irritazione oculare unilaterale e cambiamenti ipsilateral, idiopatici, papillari del conjunctiva palpebrale superiore. Il paziente ha subito la biopsia di incisional del conjunctiva palpebrale seguito dall'asportazione di pieno-spessore della palpebra implicata. RISULTATO: L'esame istopatologico ha stabilito la diagnosi di carcinoma sebaceous. CONCLUSIONE: I cambiamenti asimmetrici e papillari non spiegati del conjunctiva palpebrale dovrebbero destare il sospetto di carcinoma sebaceous. ( info)

4/381. le mutazioni Composto-eterozigotiche nel gene plasminogen predispongono allo sviluppo della congiuntivite lignea.

    Il tipo omozigotico mancanza plasminogen di I è stato identificato come causa della congiuntivite lignea. In questo studio, 5 pazienti supplementari con la congiuntivite lignea sono esaminati. Tre pazienti indipendenti (1 ragazzo, 1 donna anziana e 1 uomo) hanno avuti livelli plasminogen dell'antigene di meno di 0.4, meno di 0.4 e 2.4 mg/dL, rispettivamente, ma hanno avuti attività residua funzionale plasminogen di 17%, di 18% e di 17%, rispettivamente. Questi oggetti erano composto-heterozygotes per le mutazioni di senso sbagliato differenti nel gene plasminogen: Lys19 --> Glu/Arg513 --> Suo, Lys19 --> Glu/Arg216 --> Suo e Lys19 --> Glu/Leu128 --> Pro, rispettivamente. Gli altri 2 pazienti, un ragazzo di 14 anni e la sua sorella di 19 anni, che entrambe presentate con un corso severo della malattia, dell'antigene plasminogen esibito e dei livelli di attività funzionale sotto il limite di segnalazione ( ( info)

5/381. Un caso dell'infezione umana con il virus di malattia di newcastle.

    Un caso dell'infezione del virus di malattia di newcastle in un tecnico di laboratorio femminile è segnalato per la prima volta in malesia. L'infezione si è acquistata tramite l'infezione della gocciolina dell'occhio mentre frantumava il pollo infettato in laboratorio. Il caso è stato confermato tramite isolamento del virus di malattia di newcastle da un tampone dell'occhio preso dall'oggetto il primo giorno dei segni clinici. Un aumento quadruplo del titolo di emagglutinazione-inibizione è stato indicato quando i sieri il terzo giorno l'infezione e i 15 giorni di più successivamente sono stati confrontati. ( info)

6/381. Radiculomyelitis che segue congiuntivite emorragica acuta.

    Le manifestazioni cliniche e la storia naturale del radiculomyelitis che seguono una malattia recentemente segnalata--congiuntivite emorragica acuta (AHC)--sono stati studiati in 33 pazienti in taiwan e nelle seguenti osservazioni fatte: Tutti i pazienti in questa serie erano adulti alle età che variano da 21 a 55 anni; le manifestazioni neurologiche iniziali salienti erano dolori radicular e paralisi flaccida acuta che hanno sviluppato i cinque - trentasette giorni dopo l'inizio di AHC. In alcuni pazienti, i segni ed i sintomi che indicano la partecipazione dei meninges, i nervi cranici e la materia bianca del cavo sono stati osservati; la paralisi del motore era la caratteristica più notevole durante il decorso clinico di tutto; ha consistito della debolezza asimmetrica flaccida in una o più membra, solitamente essendo più severa nelle membra più basse che nella tomaia e spesso più prossimale di distali. L'atrofia nei muscoli severamente commoventi è diventato solitamente apparente in seconda o terza settimana della debolezza; la prognosi per quanto riguarda il ritorno della funzione nei muscoli commoventi dipendeva dalla severità della partecipazione. L'incapacità permanente dovuto la paralisi e l'atrofia muscolare nei muscoli prossimali commoventi delle membra più basse era il seguito principale nei casi severi. Il modello e la prognosi della paralisi flaccida del motore erano rievocativi di poliomelite acuta in cui le cellule di corno anteriore del midollo spinale sono pricipalmente implicate. La pleocitosi che varia da 11 a 270 per mm3 è stata notata nella maggior parte dei pazienti quando il liquido cerebrospinale è stato esaminato nelle prime tre settimane dall'inizio dei sintomi neurologici; il livello della proteina totale è stato sollevato invariabilmente a partire dalla seconda settimana in avanti in tutti gli esemplari ed è stato rimanere così durante il corso successivo finchè la settima settimana o più successivamente. Le prove di neutralizzazione della coltura del tessuto sono effettuato state sui sieri da 9 pazienti; gli aumenti significativi nei titoli dell'anticorpo (superiore o uguale a 1:16) agli antigeni del virus di AHC sono trovato stati in 8 casi ed in 2 di loro un aumento quadruplo nei sieri accoppiati è stato notato. La differenziazione di questa sindrome da poliomelite e dalla sindrome della Guillain-Sbarra, la libertà relativa dei bambini dalle complicazioni neurologiche di AHC ed il rapporto eziologico tra il virus di AHC e la sindrome sono stati discussi. È concluso che questa sindrome neurologica insolita è causata dalle proprietà neurovirulent del virus di AHC. ( info)

7/381. Eritematoso di lupus discoidale ipertrofico del conjunctiva.

    SCOPO: Per per segnalare le manifestazioni oftalmiche di eritematoso di lupus discoidale ipertrofico del conjunctiva. METODO: Rapporto di caso e rassegna dei risultati di biopsia. RISULTATI: Una donna di 58 anni con una storia della blefaro-congiuntivite cronica ha presentato con una lesione congiuntivale alzata insolita. Gli scorrevoli precedenti di biopsia sono stati esaminati ed interpretato come sistema diagnostico di tipo eritematoso di lupus discoidale, ipertrofico o verrucous. Sia blefaro-congiuntivite che la lesione congiuntivale alzata risolta con la terapia di hydroxychloroquine. CONCLUSIONI: La massa congiuntivale sollevata nel contesto della blefaro-congiuntivite refrattaria dovrebbe trarre il sospetto fuori per eritematoso di lupus discoidale. La variante ipertrofica di questa malattia può interessare il conjunctiva. ( info)

8/381. Neoplasia di superficie oculare che masquerading come blefaro-congiuntivite cronica.

    SCOPO: Per per presentare le caratteristiche e le difficoltà cliniche nella diagnosi di varie malignità di superficie oculari che imitano le caratteristiche di blefaro-congiuntivite cronica e ricapitolare il metodo e la prognosi terapeutici correnti dei pazienti. metodi: Sei pazienti con i segni lentamente evolventesi di infiammazione persistente hanno subito una biopsia congiuntivale dopo un corso prolungato del trattamento medico. Le cartelle sanitarie dei pazienti sono state esaminate. RISULTATI: L'esame istopatologico degli esemplari di biopsia ha rivelato la neoplasia squamous intraepithelial (un paziente), il carcinoma di cellule squamous dilagante (un paziente), il carcinoma sebaceous (due pazienti) ed il linfoma congiuntivale (due pazienti). CONCLUSIONE: Anche se raro, le malignità di superficie oculari possono coinvolgere diffuso il conjunctiva e presentare come congiuntivite cronica. Un alto indice di sospetto e un esame istopatologico in anticipo sono essenziali per non fare ritardare la diagnosi. ( info)

9/381. diagnosi prenatale in una famiglia con tipo severo mancanza plasminogen di I, congiuntivite lignea ed idrocefalia congenita.

    Il tipo severo mancanza plasminogen di I può causare la congiuntivite lignea severa, una forma rara ed insolita di congiuntivite pseudo-membranous cronica che comincia solitamente nell'infanzia iniziale, ma anche le lesioni pseudo-membranous di altre membrane mucose nella bocca, nel nasopharynx, nella trachea e nel tratto genitale femminile ed in idrocefalia occlusiva congenita di casi rari. Il paziente di indice, la figlia di un'unione consanguinea, aveva sofferto dalla congiuntivite lignea severa ed era morto dalla idrocefalia congenita decompensated malgrado le numerose revisioni dello shunt. È risultata omozigotica per una mutazione di assurdità in essone 15 del gene plasminogen (Trp597-> Arresto). Nella sua gravidanza seguente, la madre ha chiesto la diagnosi prenatale della mancanza plasminogen. La biopsia di villo corionico è stata effettuata a 12 settimane della gestazione. L'analisi del dna del gene plasminogen dalla PCR e dal polimorfismo single-strand di conformazione (SSCP) ha rivelato che il feto ha esibito un modello eterozigotico identico della fascia come osservato nella madre in buona salute. Di conseguenza, il feto era eterozigotico per il Trp597-> Arresti la mutazione in essone plasminogen 15. In più, il feto è risultato maschio dall'analisi citogenetica e dall'analisi multipla di PCR usando due indicatori X-cromosomici polimorfici (DXS424, HPRT). Questi risultati hanno escluso la possibilità di contaminazione da dna materno. È stato concluso che il feto non era al rischio per la congiuntivite lignea e le relative complicazioni collegate. Dopo la nascita di un ragazzo in buona salute, l'attività funzionale plasminogen è stata indicata per essere 38 risultati genetici molecolari prenatali confermati l'analisi del dna di %. ( info)

10/381. Allergia respiratoria da espandersi rapidamente spore: non pozzo riconosciuto, ma relativo.

    PRIORITÀ BASSA: Anche se le basidiospore sono una componente importante dello spora dell'aria in molte parti del mondo, la loro importanza clinica come inneschi dell'allergia respiratoria è stata dimostrata raramente. Di conseguenza, il codice categoria dei basidiomiceti come aeroallergen non è ben noto. OBIETTIVO: Per dimostrare una causa - e - effettui il rapporto fra l'allergia respiratoria e le basidiospore, noi illustrano questo rapporto di caso di una casalinga di 38 anni. metodi: Peli la prova della puntura, immunoblot e rhinomanometry anteriori attivi sono stati usati come attrezzi diagnostici per verificare la reattività specifica di un estratto della spora di pulmonalis del pleurotus. Due oggetti atopici hanno servito da comandi. RISULTATI: L'oggetto positivo di studio della prova della puntura della pelle ha reagito con i segni soggettivi ed obiettivi compreso una goccia significativa del FEV1 dalla sfida nasale ad una concentrazione di 0.1 mg/ml dell'estratto della spora del pleurotus mentre entrambi i comandi erano negativi anche ad un'più alta concentrazione della prova. IgE-immunoblot ha rivelato parecchie fasce distinte nel siero dell'individuo pleurotus-sensibilizzato. CONCLUSIONE: Le spore dei pulmonalis del pleurotus, un fungo comune del codice categoria fungoso dei basidiomiceti, possono causare lo specific, il rhinoconjuncivitis acuto IgE-mediato e l'asma in individui sensibilizzati. ( info)
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)| Avanti ->


Lasciare un messaggio su 'congiuntivite'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.