Riportati casi "Encefalite"
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)

Filtrare per parole chiave:



Recupero documenti. Attendere prego...

1/1055. Miglioramento nell'adulto-inizio Rasmussen' encefalite di s con la terapia immunomodulatory a lungo termine.

    OBIETTIVO: Per per studiare gli effetti immediati e cronici della alto-dose, terapia a lungo termine dell'immunoglobulina dell'essere umano i.v. (h i.v.Ig) in due pazienti con l'adulto-inizio avanzato Rasmussen' encefalite di s (CON RIFERIMENTO A). PRIORITÀ BASSA: Malgrado gli avanzamenti nella nostra comprensione della patogenesi autoimmune di RE, opzioni mediche per il trattamento cronico sia limitato. metodi: In una prova open-label di trattamento, il trattamento ha cominciato con i cicli mensili della alto-dose la h i.v.Ig (0.4 g/kg/d per i 5 giorni) seguita dalla terapia di manutenzione (0.4 g/kg 1 giorno ogni mese) dopo il patients' le circostanze hanno cominciato a migliorare. Il risultato misura le valutazioni cliniche, psicologiche, funzionali e del laboratorio incluse prima e ad intervalli relativi durante 1 anno di trattamento. RISULTATI: In entrambi i pazienti, deterioramento inesorabile di trattamento preparatorio fermato e dopo questo hanno visualizzato i miglioramenti notevoli nel controllo, in hemiparesis e nella cognizione di grippaggio che ha prodotto il recupero utile della funzione. I miglioramenti sono stati fatti ritardare fino a dopo 2 - 4 cicli mensili della alto-dose h i.v.Ig e sono continuato quando i pazienti hanno commutato al trattamento di manutenzione. I loro recuperi sono stati accompagnati da aspersione cerebrale aumentata su SPECT interictal e da soppressione degli indicatori infiammatori in CSF. CONCLUSIONI: la h i.v.Ig può essere un utile, possibilmente malattia-modificando, terapia a lungo termine per l'adulto-inizio CON RIFERIMENTO a quella dovrebbe essere considerata prima che l'ambulatorio radicale sia effettuato. Poiché i miglioramenti possono essere fatti ritardare, proponiamo la guida di riferimento per le prove intense e prolungate della terapia immunomodulatory in adulti con questa sindrome. ( info)

2/1055. Un caso di encefalite sua-acuto del tronco cerebrale.

    Un caso dell'encefalite del tronco cerebrale dell'eziologia indeterminata è segnalato in una donna di 66 anni che ha avuta un inizio improvviso della malattia con paralisi, nistagmo e l'atassia di sinistra del abducens. I sintomi hanno progredetto per completare la paralisi dei movimenti di occhio, della disfalgia e del hemiparesis di sinistra con il hyperreflexia generalizzato. L'esame dell'esplorazione di CT, di CSF e di MRI del cervello era normale. Il paziente è morto 4 mesi dopo l'inizio della malattia. Lo studio di Neuropathologic ha rilevato infiltrazioni infiammatorie perivascolari del tronco cerebrale nelle numerose e nodulari delle cellule composte principalmente di linfociti t e B. La maggior parte della infiammazione intensa ha interessato il tegmentum di pontine e del midbrain e per un pochi oblongata del midollo di grado, nuclei di pontine e nuclei cerebellari. La corteccia cerebrale e cerebellare basale dei gangli, era inalterata. L'individuazione di Neuropathological era rievocativa dei encephalitides del tronco cerebrale relativi all'infezione virale o alla sindrome paraneoplastic. Tuttavia, HSV-1, EBV e CMV antigeni non sono stati rilevati da immunohistochemistry, come pure le prove di malignità non erano assenti in questo caso. ( info)

3/1055. Leukoencephalopathy multifocale progressivo dopo trapianto del midollo osseo ed immunoterapia autologous dell'alfa-interferone.

    Un paziente con un linfoma delle cellule del manto della fase IV (secondo la classificazione REALE) è stato curato con la chemioterapia della alto-dose ed il trapianto autologous del midollo osseo. Un anno più successivamente mentre su immunoterapia che dell'alfa-interferone ha sofferto da perdita progressiva di memoria di breve durata e che ha segnalato le difficoltà nel riconoscimento obietta. La formazione immagine a risonanza magnetica (MRI) ha mostrato una lesione d'aumento ampia della zona parietale postcentral di sinistra. Le biopsie stereotactic di serie hanno rilevato leukoencephalopathy multifocale progressivo senza JC-virus nel liquido cerebrospinale. La terapia con interleukin-2 sottocutaneo (IL-2) ogni altri giorno e cytarabine intrathecal è stata iniziata una volta alla settimana. Dopo 4 settimane il paziente ha rifiutato ulteriore trattamento. Tuttavia il suo stato migliore sopra i 8 mesi prossimi e le esplorazioni di MRI ha mostrato un miglioramento notevole nelle lesioni. ( info)

4/1055. Leukoencephalitis emorragico acuto in pazienti con la leucemia mieloide acuta nella remissione completa ematologica.

    Gli autori descrivono i casi di tre pazienti influenzati dalla leucemia mieloide acuta, nella remissione completa, che ha sviluppato velocemente i sintomi neurologici che conducono alla morte. Nè le caratteristiche cliniche, nè le procedure radiologiche o microbiologiche, hanno permesso una diagnosi eziologica della sindrome neurologica. L'autopsia del cervello ha mostrato sia i risultati macroscopici che microscopici compatibili con il leukoencephalitis emorragico acuto. La difficoltà nella distinzione della questa entità da altre complicazioni malattia-relative dello SNC (per esempio infiltrazione di leucemia, tossicità della droga, emorragie) non dovrebbe condurre ad una sottovalutazione dell'incidenza allineare di questa complicazione. Crediamo che con la più attenzione alla possibilità di questa complicazione ci probabilmente sia stato sia una maggior possibilità di raccolta delle informazioni cliniche sull'effetto reale di questa malattia drammatica che di più forte speranza di individuazione del trattamento giusto per esso. ( info)

5/1055. encefalite acuta di morbillo del tipo in ritardo.

    Un'encefalite acuta di morbillo con le continuità di partialis di epilepsia si è presentata tre mesi dopo il morbillo in un bambino precedentemente in buona salute senza il difetto immunologico rilevabile. I livelli elevati degli anticorpi di morbillo in siero e liquido cerebrospinale erano e le inclusioni tubolari del tipo veduto nella panencefalite sclerotica sua-acuto sono state trovate nei nuclei delle cellule di nervo. Una idrocefalia ad alta pressione di comunicazione si è sviluppata nello stadio avanzato della malattia. Questo caso dimostra che l'encefalite di morbillo del tipo in ritardo dovrebbe essere considerata sistematicamente in bambini con l'encefalite acuta. ( info)

6/1055. Scambio del plasma in Rasmussen' encefalite di s.

    Gli autori hanno osservato una ragazza di 4 anni che ha Rasmussen' encefalite di s. Ha cominciato con i frequenti grippaggi localizzati e generalizzati. Il trattamento antiepilettico standard era quasi inefficace. La frequenza dei grippaggi generalizzati è diminuito, ma gli scatti mioclonici della parte di sinistra del corpo hanno persistito. Un EEG ha mostrato il epilepticus parziale di condizione. I risultati dell'esplorazione di CT erano normali. Gli anticorpi ai virus erano assenti dall'anima e dal liquido cerebrospinale. Un SIG. esplorazione ha mostrato una zona di hypersignal di T2-weighted nella giusta regione frontale. Le iniezioni endovenose del bolo dei corticosteroidi e dei gocciolamenti delle immunoglobuline erano inefficienti ed abbiamo iniziato gli scambi del plasma che sono continuato per 9 mesi. La condizione clinica stabilizzata e le immagini sul SIG. esplorazione sono migliorato, ma i risultati del EEG non è migliorato. Gli autori discutono l'effetto dello scambio del plasma, l'uso di cui è discutibile in questa malattia. ( info)

7/1055. Riuscito plasmapheresis nel Bickerstaff' non-così-benigno; l'encefalite del tronco cerebrale di s si è associata con l'anticorpo di anti-GQ1b.

    Un paziente con Bickerstaff' l'encefalite del tronco cerebrale di s (BBE) connessa con l'anticorpo di anti-GQ1b ha sviluppato il coma, la debolezza severa e l'afflizione respiratoria. Il paziente ha richiesto il supporto ventilatorio. Dopo non riuscendo a migliorare sugli steroidi, è stata curata con plasmapheresis. È migliorato simultaneamente con il trattamento di plasmapheresis ed ha fatto un recupero completo. BBE connesso con l'anticorpo di anti-GQ1b è considerato generalmente come benigno ed i trattamenti specifici non sono stati stabiliti. I risultati con questo paziente indicano che la circostanza non è sempre benigna ed il plasmapheresis può essere favorevole in questo disordine. ( info)

8/1055. Riuscito trattamento del cerebritis eritematoso di lupus sistematico con l'immunoglobulina endovenosa.

    Il lupus neuropsichiatrico comprende le manifestazioni cliniche estremamente varie, varianti dalla disfunzione conoscitiva delicata ad una presentazione severa e pericolosa. Segnaliamo un paziente di 28 anni con eritematoso di lupus sistematico chi ha avuto febbre persistente per 3 mesi e sviluppato in alcune ore vada in automobile ed afasia sensitiva, nistagmo del rotatore con deviazione degli occhi e rigidità nuchal severa. Una vasta serie di formazione immagine e di prove di laboratorio è stata interpretata come normale, tranne una pressione di apertura elevata alla puntura lombare, ai risultati infiammatori del liquido cerebrospinale ed all'aspersione corticale asimmetrica su tomografia computata dell'emissione del singolo-fotone. Il paziente ha ricevuto un corso dell'immunoglobulina endovenosa della alto-dose (IVIg) e nei 5 giorni il suo stato restituito a quello di 3 mesi prima dell'ammissione. I meccanismi della ferita, con l'amministrazione di lupus cerebrale ed i meccanismi di azione di IVIg, sono discussi. ( info)

9/1055. encefalite di simplex di erpete dopo chirurgia di cervello: rapporto di caso e rassegna della letteratura.

    L'infezione intracranica dopo intervento neurochirurgico è causata il più spesso dai batteri. Un caso raro dell'encefalite mortale di simplex di erpete dopo che la rimozione di un meningioma è descritta ed i simili casi segnalati nella letteratura sono esaminati. Gli attrezzi diagnostici recenti, compreso rilevazione delle sequenze virali del dna di erpete da reazione a catena della polimerasi, complementano il sospetto clinico e facilitano la diagnosi precoce obbligatoria, perché l'encefalite di erpete, senza inizio del trattamento veloce, può condurre all'inabilità o alla morte severa. ( info)

10/1055. Formazione immagine e ricerca del laboratorio nell'encefalite di simplex di erpete.

    Un bambino anziano da 14 giorni ha presentato con i segni di un'encefalite acuta. Clinicamente, l'encefalite di simplex di erpete (Organo permanente per la salute e sicurezza) è stata ritenuta sospetto. MRI e EEG iniziali erano normali e ci era miglioramento clinico veloce. Un risultato negativo di reazione a catena della polimerasi (PCR) sul campione iniziale di CSF è sembrato rendere l'Organo permanente per la salute e sicurezza più improbabile. Questa diagnosi successivamente è stata dimostrata dopo la dimostrazione di produzione specifica dell'anticorpo usando l'immunoelettroforesi del CSF. Il bambino ha avuto danno importante al tessuto di cervello. L'esigenza dell'analisi sequenziale del CSF nella fabbricazione o nella confutazione della questa diagnosi è illustrata. ( info)
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)| Avanti ->


Lasciare un messaggio su 'encefalite'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.