Riportati casi "Malattia Infiammatoria Pelvica"
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)

Filtrare per parole chiave:



Recupero documenti. Attendere prego...

1/185. Un " enigmatic" causa di dolore alla schiena che segue anestesia regionale per la sezione caesarean: thrombophlebitis pelvico settico.

    Una cassa di thrombophlebitis pelvico settico è segnalata. Ciò presentata come debolezza del piedino e di dolore alla schiena 18 giorni dopo anestesia regionale per la sezione caesarean. Il paziente si è riferito a il reparto dell'anestesia. La revisione Obstetric del paziente su richiesta del anaesthetist ha condotto ad un'esplorazione di CT che ha dimostrato la diagnosi. Questa circostanza può condurre a " mortale; su-table" embolo polmonare se la vena thrombosed è trattata durante la laparotomia esplorativa. Il trattamento dovrebbe essere conservatore con gli antibiotici e l'anticoagulazione. Questo caso illustra l'esigenza di consapevolezza fra i anaesthetists delle cause chirurgiche possibili per la morbosità che può inizialmente sembrare anestetico-relativa. ( info)

2/185. Sonographically ha guidato l'iniezione antibiotica intralesional per il trattamento di un ascesso pelvico ricalcitrante: un rapporto di caso.

    Un ascesso pelvico si è presentato in una donna infertile con un'infezione gonococcica endocervical dopo esame hysterosalpingographical. L'ascesso pelvico non è stato curato malgrado la chemioterapia antimicrobica rigorosa fino ad amministrare due iniezioni di ceftriaxone di intra-ascesso. Ciò indica che gli antibiotici amministrati sistematicamente non possono raggiungere la concentrazione terapeutica in un ascesso e un'iniezione antibiotica di intra-ascesso può contribuire a curarlo. ( info)

3/185. actinomicosi pelvica.

    L'actinomicosi pelvica è un'infezione cronica rara causata dai batteri dei actinomycetaceae della famiglia. L'uso prolungato di un dispositivo contraccettivo intrauterino (IUD) è un fattore di rischio ben noto. Segnaliamo sei pazienti con l'actinomicosi pelvica, tutti di chi ha avuto uno IUD inserito per oltre sei anni. I problemi diagnostici hanno reso necessaria una laparotomia in tutti i pazienti. La diagnosi pathohistological è stata basata sull'immagine microscopica caratteristica e sulla macchiatura specifica. I pazienti sono stati curati con penicillina e il amoxycillin per parecchi mesi. ( info)

4/185. Il rame dimenticato 7 - un racconto del circo.

    Un dispositivo contraccettivo intrauterino dimenticato di Gravigard, in una donna con uno stile di vita ambulante, ha causato l'actinomicosi pelvica, imitante la malignità ovarica. Questo caso illustra che anche se rara, questa complicazione può ancora accadere. ( info)

5/185. actinomicosi pelvica. È necessaria la terapia antibiotica a lungo termine?

    OBIETTIVO: Per per descrivere 11 caso di actinomicosi ed analizzare se uso antibiotico a lungo termine in necessario. DISEGNO DI STUDIO: Un'analisi di 11 caso di actinomicosi pelvica diagnosticato e trattato durante i nove anni ultimi. Quattro pazienti hanno avuti un dispositivo intrauterino (IUD) per 6-20 anni, tre pazienti hanno avuti uno IUD per 3-5 anni e quattro pazienti non hanno avuti eziologia conosciuta. Nella maggior parte dei pazienti i sintomi sono durato a partire da parecchi giorni ad un mese. Le lesioni actinomycotic hanno coinvolto un'o entramba l'ovaia in tutti e 11 i caso. In cinque pazienti la lesione ha estendere ad altre zone, quali l'utero, l'omento, il parametrium, le pareti pelviche, i due punti, la vescica, la galleria cieca e la cistifellea. RISULTATI: Tutti i pazienti hanno subito la chirurgia che ha compreso la rimozione delle lesioni con il ipsilateral o sia adnexa che, nei casi specifici, con l'estensione delle lesioni, dell'isterectomia, del omentectomy, del hemicolectomy e cholecystectomy. La conferma della diagnosi dell'actinomicosi è stata fatta mediante l'istologia in tutti i casi ed il trattamento antibiotico ha cominciato solitamente i 1-14 giorni dopo la chirurgia. La droga della scelta era penicillina. La durata del trattamento era di 12 mesi in 6 pazienti, di 6 mesi in 3 e < o = 3 mesi in due. Tutti i pazienti erano vivi e bene dopo due - nove anni di follow-up. CONCLUSIONE: Contrariamente all'actinomicosi ad altri luoghi, in cui la letteratura suggerisce la terapia antibiotica per 6-12 mesi, l'actinomicosi pelvica potrebbe essere una malattia limitata. Proponiamo che nei casi dell'actinomicosi pelvica dove l'ascesso può completamente essere rimosso chirurgicamente, un periodo di scarsità di terapia antibiotica possa essere efficace. ( info)

6/185. Grande ostruzione delle viscere dovuto il dispositivo intrauterino: malattia infiammatoria pelvica collegata.

    L'actinomicosi pelvica si è associata con l'uso dei dispositivi contraccettivi intrauterini (IUDs) può imitare la malignità pelvica. Il riconoscimento della questa complicazione rara, ma non rara di uso di IUD può risparmiare un paziente da una vasta procedura chirurgica. Se riconosciuto preoperatively, un regime semplice degli antibiotici può essere curativo; tuttavia, se sintomatica, una procedura chirurgica limitata è autorizzata. Presentiamo il caso una donna di 55 anni con di un corso lento e indolent di grande ostruzione parziale delle viscere e di una storia di uso di IUD per oltre 20 anni. Un'esplorazione preoperative di CT ha rivelato un bacino congelato che imita una malignità pelvica. La laparotomia esplorativa ha rivelato una ditta, una reazione dura e fibrotica nel bacino che coinvolge l'utero, un adnexa ed i due punti sigmoidei. Un colostomy di diversione del ciclo è stato effettuato e la patologia ha rivelato i granelli dello zolfo dallo IUD estratto che ha coltivato gli actinomici. Il paziente è stato curato con gli antibiotici adatti e durante la smontatura del colostomy 6 mesi più successivamente l'infiammazione pelvica era completamente resolved. Una vasta revisione della letteratura che coinvolge gli ascessi actinomycotic si è associata con uso di IUD rivela un numero limitato degli studi segnalati nella letteratura chirurgica generale. Behooves il chirurgo generale essere informato di questo caso insolito in moda da potere effettuare la consultazione ed il trattamento adatti con la morbosità limitata al paziente. ( info)

7/185. Non Hodgkin' primario; linfoma di s della vagina.

    Il tratto genitale come luogo primario di linfoma maligno in donne è estremamente raro. Questo rapporto interessa un paziente di 64 anni di un linfoma non-hodgkin vaginale primario (grande stirpe delle cellule B secondo la classificazione REALE--tipo centroblastic secondo la classificazione di Kiel--" G" conciliando formulazione di funzionamento) con una presentazione clinica insolita--disagio pelvico accompagnato da frequente ureteral-come colic. dovuto i sintomi ginecologici di inizio e la rarità di questa interpretazione errata primaria extranodal del luogo di un linfoma vaginale primario come una malattia infiammatoria o endometriosi benigna può accadere. Diamo risalto all'importanza del loro riconoscimento ed anche alla diagnosi differenziale di linfoma cervicale da altre lesioni neoplastici e non-neoplastici. ( info)

8/185. actinomicosi pelvica che presenta come grande ostruzione maligna delle viscere: un rapporto di caso e una rassegna della letteratura.

    L'actinomicosi è una malattia infettiva cronica rara. Nella maggior parte dei casi la diagnosi è fatta postoperatorio a causa della relativa presentazione clinica insolita. Inoltre, l'actinomicosi addominale può imitare il cancro, la malattia di viscere infiammatoria, o la diverticolite. Il ritardo nella diagnosi che conduce all'amministrazione inadeguata ed alle procedure inutili è stato segnalato. Segnaliamo il caso di una donna di 49 anni con la grande ostruzione delle viscere secondaria alla vasta actinomicosi pelvica che coinvolge il rectosigmoid e l'intestino cieco. Ha richiesto la chirurgia di emergenza, che ha coinvolto sia la resezione che il colostomy. Una revisione della letteratura sull'actinomicosi addominale durante i 50 anni ultimi inoltre è segnalata. L'ambulatorio di emergenza è stato descritto raramente in questa circostanza. Anche se l'incidenza dell'actinomicosi è diminuito, la forma addominale-pelvica sta aumentando in questi ultimi 10 anni secondari ad uso prolungato aumentato del dispositivo intrauterino. Poichè lo spettro clinico dell'actinomicosi ha cambiato drammaticamente, in modo da abbia le considerazioni terapeutiche. L'amministrazione chirurgica aggressiva nei casi avanzati con la partecipazione multiorganic sembra riapparire negli ultimi anni. La considerazione dell'actinomicosi in una donna con uso prolungato di un dispositivo intrauterino e dei sintomi dell'ostruzione delle viscere ha potuto contribuire a migliorare la diagnosi e l'amministrazione preoperative di questa malattia rara. ( info)

9/185. Formazione immagine a risonanza magnetica di actinomicosi che presenta come malignità pelvica.

    L'actinomicosi pelvica è associata con uso di vecchia data di un dispositivo contraccettivo intrauterino e può presentare con i segni ed i sintomi clinici di malignità pelvica. La formazione immagine diagnostica può confermare la presenza di infiltrazione pelvica del tessuto e della massa ma i risultati sono spesso non specifici. Presentiamo un caso dell'actinomicosi pelvica con l'ascesso tubo-ovarico in cui la formazione immagine a risonanza magnetica ha dimostrato il tessuto più basso di intensità del segnale sulle sequenze appesantite T2 che sia tipico per malignità o l'infezione pelvica ed era utile nella regressione di conferma della malattia pelvica in risposta alla terapia antibiotica. ( info)

10/185. malattia infiammatoria pelvica seguente di primo acetonide di riuscito risultato di gravidanza.

    La malattia infiammatoria pelvica complica raramente la gravidanza. Anche se pochi, la maggior parte dei casi precedentemente segnalati hanno provocato l'aborto spontaneo o il crollo fetale intrauterino. Alla gestazione di 5 settimane, una gestante 2 para 1 di 20 anni ha subito il curettage uterino ed il laparoscopy di sistema diagnostico per una gestazione ectopica ritenuta sospetto. I diciassette giorni più successivamente, ha presentato con dolore addominale più basso bilaterale severo, la tenerezza cervicale di movimento, la tenerezza uterina e la tenerezza adnexal bilaterale. Dopo 84 ore del cefazolin, del gentamycin e della clindamicine endovenosi, il paziente ha avuto risoluzione di tutti i sintomi. Allora ha completato i 14 giorni della terapia antibiotica del paziente esterno con cephalexin orale. Alla gestazione di 39 settimane, ha trasportato un feto maschio di 3611 g via la consegna vaginale spontanea. Il riuscito risultato di gravidanza può accadere dopo la malattia infiammatoria pelvica di primo acetonide. ( info)
(Tradotto da inglese da Altavista Babel Fish)| Avanti ->


Lasciare un messaggio su 'malattia infiammatoria pelvica'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.