FAQ - Malattia Cronica
(Powered by Yahoo! Answers)

Esiste una malattia che determina la crescita a dismisura del cervello rispetto al resto degli organi?


Troppa gente ci crede, e c'è chi inventa tesi scientifiche a riguardo. Non mi sento di avere la presunzione di negarlo, ma sicuramente un po' scettica lo sono.
Può esistere una malattia che consiste nella crescita eccessiva del cervello, che viene poi compresso dalla scatola cranica?
Per le mie conoscenze in materia, direi che è una cavolata immane, ma se qualcuno di competente ne sa di più e sa darmi una risposta, è benvenuto!

No credenze popolari, per favore.
Grazie in anticipo :)
----------

Il cervello è un organo sito all'interno di un involucro osseo molto resistente (scatola cranica). Forse l' unica patologia che può far aumentare il volume dell' encefalo è il cancro cerebrale (nella fattispecie astrocitoma e glioblastoma) e lo fa con conseguenze ben precise: aumento della pressione all'interno del cervello, edema intorno alla patologia che lentamente cresce, idrocefalo, il quale è una condizione in cui si ha un accumulo di liquido cefalo rachidiano a livello dei ventricoli cerebrali che si dilatano. La complicanza è
l' ipertensionesione intracranica che causa danni al tessuto cerebrale.
Ciaooo!!  (+ info)

Esiste una malattia rara che manifestandosi con delle crisi causa emorragie dagli occhi e dalla bocca?


Inoltre, è possibile che suddetta malattia possa causare disfunzioni alla tiroide e agli organi fino a portare alla morte dell'individuo che ne è affetto?
P.S. é una malattia genetica o ereditaria?
----------

http://it.wikipedia.org/wiki/Ebola

questa ti piace? Però è virale, non genetica.  (+ info)

Ma la Sclerosi Multipla in una persona può venire anche senza che la stessa abbia familiarità con la malattia?


cioè nel senso se una persona ha i genitori,nonni o zii con questa malattia è molto probabile che si verifichi a quella persona, ma per una persona che non ha avuto nessun parente con questa malattia può venire?se si come mai?

Ps:per le persone che la hanno, quali sono stati i sintomi iniziali e in quanto tempo ve l'hanno diagnosticata?
----------

la sclerosi multipla non è ereditaria. Le statistiche indicano che i figli di genitori con questa patologia hanno solo un 15% in più di possibilità di averla rispetto ad altri però casi di genitori e figli sono presenti ma esiste invece una percentuale più alta di casi invece di presenza della malattia tra fratelli ma che non dipende da vicinanza o convivenza perchè la sm non è contagiosa
Io non ho nessun parente con questa patologia e quindi sono l'unico della famiglia ....
La diagnosi non sempre è immediata se non sono presenti grosse crisi perchè di solito i primi disturbi sono di lieve entità e difficilmente si possono associare a questo tipo di patologia ed esistono pure persone che ne sono affette ma non lo sanno proprio perchè non soffrono di particolari fastidi .... nella maggior parte dei casi possono manifestarsi disturbi alla vista (meno all'udito) e leggere perdite di sensibità e forza agli arti (superiori e/o inferiori) ma non sempre questi fanno pensare alla SM e quindi non ci si preoccupa oppure ci si rivolge a specialisti medici diciamo sbagliati ... io inizialmente soffrivo di diplopia all'occhio sinistro che pensavo dovuta all'età e allo stato di affaticamento e alla miopia già esistente e nessun oculista avrebbe associato tale disturbo alla SM che mi è stata diagnosticata qualche mese dopo con la prima crisi che mi aveva fatto perdere sensibilità a tutta la parte sinistra del corpo che mi ha portato al ricovero in ospedale e a fare tutte le analisi del caso (risonanza magnetica, rachicentesi, visite oculistiche ecc....) per scoprire questa patologia .... se ti servono un po' di informazioni in merito oltre a quelle scentifiche che trovi su wikipedia puoi provare anche su questo sito http://iprimipassiversolasclerosimultipla.forumfree.it/  (+ info)

Come si fa a capire se una malattia mentale è causata da un problema psicologico o organico?


Salve a tutti, vorrei sapere come si fa a conoscere la causa di una malattia mentale, ossia quali sono gli esami più idonei da fare. Grazie in anticipo.
----------

la risonanza magnetica è l'esame clou! vede le eventuali anomalie cerebrali
la tac vede eventuali emorragie cerebrali o problemi vascolari
EEG registra le onde cerebrali e le anomalie epilettiformi
alcune malattie mentali poi sono genetiche quindi : indagine del dna dei genitori e del paziente!
oppure un indagine metabolica per evidenziare eventuali sindromi metaboliche
altro esame molto utile sono i potenziali evocati cerebrali  (+ info)

Ciao mi potete spiegare per favore che malattia e Sinestesia?


Per favore in poche parole che cosa fa questa malattia, quali sono i suoi sintomi e cose del genere, anche con gli esempi, pero in poche parole. Grazie 1000
----------

Non è una malattia... è solo una condizione particolare: io stessa sono sinestetica, in pratica associo un colore ad ogni grafema (simboli, lettere, numeri), ad ogni parola, anche le persone ( più facilmente se non ne conosco il nome altrimenti mi condiziona), e debolmente anche per i suoni... Per esempio il suono del flauto è blu e quello della chitarra è rosso.
Ci sono sinestetici che vedono i colori quando sentono un odore particolare o assaggiano un gusto specifico.

Quest'anomalia è dovuta al fatto che particolari aree dela corteccia cerebrale sono collegate fra loro in maniera permanente, nel mio caso l'area deputata al riconoscimento dei grafemi è collegata aal'area per l'identificazione dei colori mentre in una persona normale le aree sono sepaarate.
Si pensa che la non-disgiunzione delle aree sia una caratteristica ereditabile, infatti la sinestesia è spesso una condizione familiare ed è più frequesnte nelle donne.
Anche Kandinskij era sinestetico... è una cosa molto bella e del tutto naturale, per me sarebbe strano il contrario: non riesco ad immaginare come siano le parole o i numeri non colorati...è troppo strano!
Spero di averti aiutato, ciao :)  (+ info)

Quanto tempo ho per consegnare il certificato di malattia al datore di lavoro?


Lavoro come infermiere presso un ospedale.
Oggi il dottore mi ha fatto il certificato su carta bianca della malattia.
----------

Lo devi portare all'INPS il giorno stesso, in carta semplice non basta!!  (+ info)

Chi può aiutarmi per conoscere meglio nuove disposizioni in merito alla malattia a carico del lavoro privato?


Mi sono recata dal mio medico di base per un certificato di malattia per un giorno e mi sono sentita rispondere che dovevo recarmi al pronto soccorso o prendermi le ferie o permessi. Mi ha fatto leggere un foglio affisso alla parete che parlava delle nuove disposizioni di Brunetta in merito alle assenze per malattia sia nel pubblico che nel privato. Siccome era una sintesi non ho capito molto e mi è sembrato assurdo dovermi recare al pronto soccorso per una simile ragione. Chi conosce qualche cosa in merito? Vi ringrazio anticipatamente
----------

ciao,
mi sembra molto strano...
mi viene da pensare che l'unico motivo per cui il tuo medico non ti ha fatto il certificato è perchè non ha ritenuto che tu fossi ammalata.
Diciamo che il nuovo decreto Brunetta non impedisce ai medici di fare il certificato, ma precisa che la malattia deve essere "riscontrabile" ,
cioè in teoria se il medico ti mette in malattia per "mal di testa" potrebbe avere dei problemi in quanto non è verificabile: è solo la tua parola ad affermarlo, e non si può valutare oggettivamente

Tutto molto assurdo!!
in bocca al lupo  (+ info)

Qualcuno sa dirmi la procedura per ottenere la malattia sul lavoro in caso di depressione?


Più precisamente vorrei sapere come procedere, a chi mi devo rivolgere ed obblighi e diritti del caso, e se la malattia si ottiene facilmente. Grazie mille!
----------

la prima cosa da fare è andare dal tuo medico farti fare un certificato per stress o per depressione,e consegnarlo in azienda,non ci sono particolari procedure da seguire  (+ info)

l'asma cronica, e una malattia gravissima?


3 settimane fa sono stato ricoverato... non ho mai avuta una crisi cosi, forte ne soffro da bambino ma sempre, lievemente stavolta ho visto, la morte con occhi,premetto che sino a 3 settimane fa fumavo 2 pachetti di siga al giorno, e fisicamente sono sovrappeso di molto,, mi sento vivo x miracolo, chissa ho paura che la prossima crisi, non mi salvi!!
premetto che sono allergico, olive parietarie graminace, fragola, nocciola, chissa mi dicono il vaccino e possibbile, ma io nn mi fido..
ho solo 28anni, n sono vecchio decrepito, ma gia ne soffro di brutto!!
----------

Può essere considerato una malattia invalidante, se dà crisi continue. Il brutto dell'asma è la sua capricciosità, per cui non è detto che a scatenare la crisi siano sempre le stesse sostanze.
Tieniti sotto controllo medico continuo, in modo da decidere la miglior terapia (di solito si usa il Salbutamolo) e da aggiustarla la bisogno. Talora, inspiegabilmente, l'asma sparisce.

Aggiunta:
Il sovrappeso sarebbe molto meglio ridurlo, l'avere smesso di fumare (lodevole decisione) ha ridato contrattilità ai bronchi e quindi può benissimo aver peggiorato la situazione. (però passerà). La tua età è una delle peggiori per questo problema.
Personalmente ritengo che il vaccino possa essere una soluzione, certo non definitiva, ma tale da non darti più la sensazione di "morte imminente" tipica delle crisi asmatiche e da non dover più ricorrere alla fiala di cortisone urgente.
Rassegnati a dover rifare le prove allergologiche e a dover cambiare vaccino anche più volte.  (+ info)

Come faccio a sapere se ho una malattia sessualmente trasmissibile?


Vorrei controllare che tutto tra me e il mio partner fisso sia tutto regolare nell'intimità. Vorrei sapere se io e lui abbiamo qualche malattia sessualmente trasmissibile. Ma come? Attraverso un'analisi del sangue? O come? Grazie mille!
----------

Vi consiglio di donare il sangue. Screening completo e gratuito.  (+ info)

1  2  3  4  5  

Lasciare un messaggio su 'Malattia Cronica'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.