FAQ - Sindrome Di Andersen
(Powered by Yahoo! Answers)

Cosa direste a un ragazzo che sostiene di avere la sindrome premestruale?


Non farò nomi, per rispetto, ma si tratta di un utente della sezione.

( il suo nick inizia per C e finisce per iaoNimoèfolle )
----------

Non lo conosco,ma lo quoto!

Ps: grazie per i tampax!Quando ho finito, te lo ridò  (+ info)

Da cosa è provocato la nascita di un figlio con la sindrome down?


se i genitori hanno lo stesso cognome (parenti o meno) si ha un figlio con la sindrome down?
----------

la sindrome down è caratterizzata dalla trisonomia 21 ossia dalla presenza di 3 cromosomi nella ventunesima coppia anzichè 2. so che a incidere è l'età della madre infatti il tasso di bambini nati down si alza con l'aumentare dell'età materna ma ci sono altri fattori che contribuiscono... il fatto che i genitori abbiamo lo stesso cognome non vuol dire nulla. nel caso siano parenti invece credo che potrebbe essere un fattore... ma non ci metterei la mano sul fuoco!  (+ info)

Sapete se ci sono novità e a chi posso rivolgermi pera sindrome di reynolds?


A mia moglie hanno diagnosticato la sindrome di reynolds
----------

Si tratta di una malattia rara,da cause sconosciute.Viene riconosciuto un probabile meccanismo autoimmune,ma attualmente si pensa ad un deficit dei linfociti soppressori,che derivano dai linfociti T. Inizialmente si ha sclerodermia,che e' una malattia sistemica che interessa il tessuto connettivo.Dopo circa 5 o 10 anni si associa insidiosamente la cirrosi biliare,che deriva dall'ostruzione o infezione dei dotti biliari.Dalle analisi di laboratorio si ha un aumento delle gamma globuline,un aumento degli anticorpi antinucleo,e spesso una positivita' della reazione di Waaler-Rose.La terapia e' sintomatica.La prognosi non e' buona in quanto la malattia tende ad aggravarsi col tempo.Sono stati descritti in tutto una ventina di casi,di cui sei casi da REYNOLDS nel 1971 in donne tra i 38 e i 67 anni.Questo e' tutto.Ciao.  (+ info)

Quando una persona e stata colpita dalla sindrome di stoccolma la sua mente e stata condizionata?


sì certamente  (+ info)

Quali sono i primi sintomi della sindrome del tunnel carpale?


Ciao ragazzi... Vorrei sapere quali sono i primi sintomi della sindrome del tunnel carpale, e quali sono gli atteggiamenti che possono essere causa della stessa... Grazie!
----------

*i sintomi sono dolore delle
prime 3 dita che si può irradiare
fino al gomito corrispondente,
formicolio e sensazione di
mano addormentata;gli atteggiamenti
sono posizioni scorrette della mano
che fa forza sul polso.Il dolore
si acutizza soprattutto di notte
per la posizione del braccio*  (+ info)

Sapete la differenza tra sindrome nefrosica e sindrome nefritica?


nonostante il nome simile sono due quadri totalmente diversi causati da glomerulopatie.
La sindrome nefrosica è caratterizzata da importante perdita di proteine con urine (almeno 3 g nelle 24 ore) e si presenta con edemi diffusi. Inoltre è presente ipercolesterolemia e un caratteristico profilo dell'elettroforesi sieroproteica (bassa albumina, alte alfa2, ipogammaglobulinemia).
La sindrome nefritica è invece caratterizzata da alterazioni urinarie varia in genere microematuria e proteinuria modesta, ma a volte anche macroematuria. Spesso c'è anche ipertensione. Alcune forme portano inoltre ad un'insufficienza renale acuta e rapidamente progressiva.
Questo naturalmente a grandi linee....  (+ info)

Quali tra questi sintomi sono causati dalla sindrome del tunnel carpale?


Se a un formicolio notturno della mano, ed in particolare delle dita pollice medio ed indice, si associa un dolore nella zona del gomito, si tratta sempre della sindrome del tunnel carpale?
----------

La sindrome del tunnel carpale provoca un dolore nella arte interna del polso ed un formicolio al braccio e al pollice..ciò è dovuto a vari traumi che riguardano l'uso frequente del polso (infatti è una malattia che colpisce spesso i parucchieri).Per quanto riguarda il dolore al gomito credo che possa derivare dalla pedetta sindrome, poichè il formicolio si può diramare attraverso la circolazione che è alterata...valuat un pò tu ma in caso di dubbio sulla sindrome del tunnel carpale fatti controllare da un medico...ho conosiuto gente che l ha avuta e più aspetti più è peggio....  (+ info)

Aiuto ho bisogno di sapere quali sono i primi sintomi della sindrome di Alzheimer?


Lo chiedo soprattutto a chi ha persone in famiglia malate. Io ho mia madre di 63 anni che ha già il diabete, e sto notando da un pò di tempo che sta cambiando. Noto che non sta mai ferma a parte quando si riposa, sta diventando un pò smemorata e la cosa che mi fa più paura e che parla sempre e soprattutto dei soliti suoi argomenti anche se le chiedo di non parlare.Ho molto paura e non so se può dipendere anche dal diabete ( il suo è il 2 tipo). Non so se è il caso di farle fare una consulenza neurologica. Vi ringrazio ciao a tutti
----------

I primi sintomi sono solitamente piccoli disturbi della memoria, spesso associati a sintomi di tipo depressivo e ansioso. La malattia all’esordio può essere male interpretata e diagnosticata come un disturbo depressivo.
L'evoluzione della malattia può essere suddivisa, con molta approssimazione, in tre fasi.
La prima è caratterizzata da una leggera perdita della memoria e da una progressiva incapacità di imparare nuovi concetti e nuove tecniche, nonché da difficoltà a esprimersi e a comprendere. Nel malato si notano modificazioni del carattere e della personalità, difficoltà nei rapporti con il mondo esterno, diminuzione delle capacità percettive visuo-spaziali.

Si può notare una difficoltà sempre maggiore nell'emettere giudizi, incertezza nei calcoli matematici e nei ragionamenti che richiedono una certa logica. Sono spesso presenti ansia, depressione e ritiro sociale.
In una fase successiva le caratteristiche del malato di Alzheimer sono quelle date dal peggioramento delle difficoltà già presenti: come conseguenza le azioni della vita quotidiana diventano, per il malato, molto problematiche. La progressiva perdita di memoria spiega la maggior parte delle difficoltà che il malato si trova a dover affrontare ogni giorno: la mancanza di memoria autobiografica, e quella relativa alle attività manuali più comuni, rendono il paziente perennemente insicuro e incerto. I disturbi del linguaggio accompagnano quelli della memoria e il malato perde anche la capacità di comprendere le parole e le frasi, di leggere e di scrivere. Il peggioramento delle capacità visuo-spaziali porta il malato a perdersi sui percorsi conosciuti, a non impararne di nuovi, a non orientarsi nemmeno tra le mura di casa; la capacità di riconoscere le facce e i luoghi viene progressivamente perduta.

La cosiddetta terza fase è caratterizzata da una completa dipendenza dagli altri. Le funzioni intellettive sono gravemente compromesse; compaiono difficoltà nel camminare, rigidità degli arti, incontinenza urinaria e fecale; possono verificarsi crisi epilettiche; le espressioni verbali sono ridotte a ripetizioni di parole dette da altri, o ripetizione continua di suoni o gemiti, o addirittura mutismo. Possono manifestarsi comportamenti "infantili", come portare ogni cosa alla bocca o afferrare qualunque oggetto sia a portata di mano. Spesso il malato si riduce all'immobilità, e la continua costrizione al letto può fare insorgere piaghe da decubito, infezioni respiratorie, urinarie, sistemiche, oltre che contratture muscolari.

Lungo tutto il decorso della malattia, ma soprattutto nelle prime due fasi, sono presenti anche sintomi cosiddetti “non cognitivi”, in varia misura e di diversa gravità: agitazione, irrequietezza, aggressività, ansia, depressione, disinibizione sessuale, apatia, disturbi del sonno; inoltre possono manifestarsi alterazioni del comportamento alimentare (bulimia o anoressia) e disturbi del cammino (aumento patologico dell’attività motoria  (+ info)

E’ vero che Vittorio soffre della sindrome di pènè asfittico?


Ma di quale pene stai parlando?  (+ info)

ma se due persone con sindrome di down decidono di fare un figlio nasce con la stessa sindrome o normale?


ieri ho visto due persone con sindrome down che avevano per mano un bambino normale...allora mi sono chiesta se l'avessero adottato o se puo essere loro figlio...mi togliete questo dubbio?
----------

"Nel 95% dei casi la sindrome non è ereditaria, perchè la trisomia 21 si origina come un evento nuovo in famiglia, verificatosi in quel preciso concepimento.

Nel 5% dei casi la trisomia 21 dipende da una traslocazione cromosomica e la metà di questi casi è causata da una traslocazione cromosomica bilanciata presente in uno dei genitori.

In quest’ultimo caso il genitore portatore della traslocazione ha un rischio aumentato di avere figli con sindrome di Down"

quindi no, ma la probabilità di avere un figlio down sono notevolmente alte rispetto a 2 genitori non affetti da trisomia 21, anche se è molto difficile che abbiano un figlio perchè il maschio ha una fertilità ridotta.

(per quella capra che ha scritto che sono sterili: informati prima di aprire la bocca. e magari leggiti i luoghi comuni + stupidi e insenstati sui down http://www.aipd.ivylogic.it/luoghi.htm )  (+ info)

1  2  3  4  5  

Lasciare un messaggio su 'Sindrome Di Andersen'


Non valuta né garantisce l'accuratezza dei contenuti di questo sito web. Fai click qui per la clausola completa di garanzia da eventuali responsabilità.