Ricerca sulle cause della sclerosi laterale amiotrofica.

Pino Fronzi

Ricerca sulle cause della sclerosi laterale amiotrofica.

Messaggio da Pino Fronzi »

Dopo una ricerca che ho svolto per collaborazione, nel capire le cause della malattia neuromuscolare sclerosi laterale amiotrofica, posso ora affermare con certezza che, la causa della SLA, è la IPOSSIEMIA ARTERIOSA CEREBRALE, (carenza di ossigeno nel sangue che fluisce nel Cervello).
La carenza di ossigeno nel flusso arterioso al Cervello, la subiscono principalmente i Motoneuroni della Corteccia Cerebrale, ai quali è indispensabile un MAGGIORE APPORTO DI OSSIGENO, per svolgere il loro compito che è quello di GENERARE E TRASMETTERE GLI IMPULSI, che, utilizzando le cellule del midollo spinale, e del tronco encefalico bulbare AZIONANO I MUSCOLI.
Sappiamo infatti che al Cervello, per svolgere le proprie funzionalità, è necessaria una maggiore quantità di ossigeno presente nel sangue, rispetto a tutti gli altri organi del corpo.
Quando però, svolgendo le abituali attività di lavoro, o attività sportive affaticanti, continuate, ma anche e soprattutto ANAEROBICHE, a causa dello sforzo fisico, LE PERSONE INTERROMPONO FREQUENTEMENTE E SOGGETTIVAMENTE LA RESPIRAZIONE, insorge un danno da carenza di ossigeno nel flusso sanguigno Cerebrale.
QUESTO CONTINUO DANNO IPOSSIEMICO, causerà il deterioramento progressivo ai Motoneuroni della Corteccia Cerebrale, i quali non possono più generare gli impulsi che azionano i muscoli, causando dopo un certo tempo l'atrofia muscolare che indica la sclerosi laterale amiotrofica.
Le ricerche di Epidemiologia sulla SLA ci indicano che, questa malattia neuromuscolare incide maggiormente in attività di lavoro affaticanti come: AGRICOLTORI, OPERAI CHE SOLLEVANO E TRASPORTANO PESI, SELVICOLTORI, LAVORATORI DEI CIRCHI, in questi, e in altri lavori affaticanti e continuati la SLA si riscontra maggiormente, perchè a causa dello sforzo, frequentemente e soggettivamente, le persone interrompono la respirazione nelle loro abituali azioni di lavoro.
Altre attività di lavoro dove la SLA incide di più sono: SALDATORI, OPERAI DELLE AZIENDE DEI PELLAMI, E AZIENDE CALZATURIERE, svolgendo questi ed altri lavori, le persone interrompono abitualmente la respirazione, per non respirare LE ESALAZIONI TOSSICHE DEI PESTICIDI, COLLANTI E SOLVENTI, e per quanto riguarda i saldatori, essi frequentemente trattengono il respiro volontariamente per non respirare i FUMI PRODOTTI DALLE SALDATURE.
L'Epidemiologia ci suggerisce che, anche in alcune attività sportive la sclerosi laterale amiotrofica si riscontra maggiormente, alcune sono: GIOCATORI DI CALCIO, DI BASEBALL, DI FOOTBALL, ARBITRI, in questi sports durante le azioni di gioco, per esempio quando si scatta nella corsa, frequentemente, e anche quì SOGGETTIVAMENTE,
GLI ATLETI INTERROMPONO LA RESPIRAZIONE ABITUALMENTE, PER ALCUNI SECONDI, NELLE AZIONI DI GIOCO, insorgendo anche in questi atleti la IPOSSIEMIA ARTERIOSA AL CERVELLO, in seguito, il continuo danno ipossiemico deteriorerà i Motoneuroni della Corteccia Cerebrale, causando in questo modo la SLA.

Sempre per merito delle ricerche di Epidemiologia, sappiamo, che in uno sport molto faticoso, (per nostra e loro fortuna), non si riscontrano ammalati della SLA, LO SPORT DEL CICLISMO; perchè questi atleti sono sorprendentemente, e significativamente IMMUNI ALLA SLA?
Semplicemente perchè LO SPORT DEL CICLISMO E' PREVALENTEMENTE AEROBICO, IN QUESTO SPORT svolgendo un'attività fisico-motoria costante, LE PERSONE RESPIRANO REGOLARMENTE, per questo motivo i ciclisti sono immuni alla sclerosi laterale amiotrofica.
Comprendiamo quindi che, quando si svolgono lavori o sports affaticanti e continuati, per esempio: sollevando e trasportando pesi, scattando nelle corse, o comunque in un intenso impegno fisico, E' INDISPENSABILE NON CHIUDERE LA BOCCA, si continuerà così a respirare sufficientemente, immunizzandoci in questo modo alla sclerosi
laterale amiotrofica.
Quale può essere la cura per la SLA?
Persistendo il CONTINUO DANNO IPOSSIEMICO ai Motoneuroni della Corteccia Cerebrale, nelle persone ammalate della SLA, sarà indispensabile un adeguato aumento dei livelli di ossigeno nel sangue, associato ad un afflusso Cerebrale più intenso ed efficace, ottenibile tramite un dispositivo artificiale impiantato chirurgicamente, il quale potrà aumentare leggermente LA PROPULSIONE DEL SANGUE CHE AFFLUISCE AL CERVELLO, IN QUESTO MODO SI POTRA' OTTENERE QUELLA NECESSARIA, MIGLIORE OSSIGENAZIONE CEREBRALE, CHE PORRA' TERMINE ALLA PROGRESSIONE DELLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA.


Pino Fronzi


Ultimo bump di Anonymous effettuato il ven mar 13, 2020 3:38 am.

Torna a “Sclerosi Laterale Amiotrofica”